Comitato Don Giuseppe Mainardi

COMITATO IN MEMORIA DI
DON GIUSEPPE MAINARDI
PRIORE DI TORRE
DAL 1939 AL 1999
  

 

il 19 ottobre 2017, per volontà di un gruppo di parrocchiani, si è costituito ilComitato in memoria di Don Giuseppe Mainardi Priore di Torre dal 1939 al 1999” , con la “benedizione” di Mons. Andrea Cristiani, Arciprete di Fucecchio e Delegato episcopale per la nostra Unità Pastorale. L’idea di dare vita al Comitato, che – nei prossimi mesi – diventerà un’associazione vera e propria, è stata promossa da Giuliano Frediani, nominato Coordinatore.

Tutto è nato dalla riflessione sulla figura di Don Giuseppe al quale sono stati dedicati ben due libri: il primo scritto dal Maestro Mario Catastini nel 1999 (pochi mesi dopo la morte del Priore) e il secondo redatto dal Prof. Francesco Campigli nel 2011, che ha ripercorso, attraverso una notevole quantità di documenti, le tappe principali del suo ministero pastorale, durato circa sessant’anni.

Un lungo periodo in cui il Priore ha svolto un ruolo fondamentale non solo dal punto di vista religioso, ma anche sotto il profilo sociale, specialmente nel secondo dopoguerra, allorché si impegnò, con dedizione assoluta, nella ricostruzione della Chiesa parrocchiale e del Campanile (distrutti dalla guerra) e nella realizzazione dei “grandiosi” locali destinati all’asilo-scuola materna, al catechismo, al Cinema-teatro per bambini, senza dimenticare l’uso della  Misericordia di Torre (fin dal 1946) a vantaggio della popolazione locale (bambini e adulti), devastata dal passaggio della guerra.

Per tutte queste ragioni, Giuliano, con un gruppo di amici di Torre, ha pensato di costituire un Comitato che si impegnasse al fine di mantenere vivo il ricordo del Priore, tramandando alle future generazioni la sua eredità spirituale e materiale.

Presidente onorario, per acclamazione, Livio Frediani, “parrocchiano storico” di Torre (impegnato per decenni nell’Azione Cattolica e collaboratore del Priore) che, con i suoi novant’anni, può testimoniare l’intera parabola sacerdotale di Don Giuseppe, fin dal suo arrivo a Torre, nel lontano 1939. Nell’incontro del 19 ottobre 2017, Livio ha ricordato la figura del Priore, soffermandosi soprattutto sulla sua instancabile volontà di operare il bene, nonché sulla sua umiltà e povertà, nella quale visse, con convinzione, per tutta la vita, a imitazione di Cristo.

Proprio sull’umiltà e sulla povertà del Priore – specialmente nei tempi difficili del secondo dopoguerra – sono fioriti i “miracoli” più belli e inaspettati, come la ricostruzione, in tempi record, di una chiesa grande e bella, di un campanile artistico che svetta, con eleganza, nel cielo di Torre, senza dimenticare le altre opere come l’asilo, i locali del catechismo, il campo di  calcio per i giovani e i continui sacrifici per rendere la chiesa sempre più bella, fino al sigillo dell’artista di fama internazionale: Arturo Carmassi.

Da non dimenticare il “miracolo” più prezioso: la “carità” verso i poveri e il sostegno continuo alle missioni all’estero. Attualmente il Comitato, grazie all’opera di Giuliano Frediani, è impegnato nella digitalizzazione dei giornalini parrocchiali, al fine di rendere patrimonio comune il lavoro certosino di Don Giuseppe, che, a partire dai primi anni Settanta, dette inizio al Bollettino parrocchiale, con l’aiuto di Franco Moscadelli della Tipografia Nuova Bonafè di Fucecchio.

Uno scrigno prezioso di ricordi e di avvenimenti, che costituiscono la storia recente della comunità di Torre. Ad oggi, sul sito internet della parrocchia, che è  collegato a quello della proloco (www.prolocotorre.org), è possibile leggere e scaricare i giornalini dal 1990 al 2017, ma il lavoro di digitalizzazione dei bollettini parrocchiali sta andando avanti ed entro il 2018 sarà completato.

Il Comitato intende promuovere ulteriori iniziative in vista del 2019, anno in cui ricorrerà il ventesimo anniversario della morte del Priore.

(tratto dal Giornalino Parrocchiale dicembre 2017)

UNA SALA PARROCCHIALE A “DON GIUSEPPE MAINARDI” 
E’ STATA INAUGURATA A LA TORRE 12/03/2012dsc09903

 

per aprire il documento originale e leggere gli articoli completi cliccare sulle immagini

.

“AL TEMPO DEL PRIORE DON GIUSEPPE MAINARDI. IMMAGINI E CRONACHE DA SAN GREGORIO MAGNO ALLA TORRE”

La storia di Torre in un libro

Partecipazione straordinaria alla presentazione del volume di Francesco Campigli

Domenica 4 dicembre 2011, nella chiesa di Torre (Fucecchio), alla presenza di quasi duecento persone, è stato presentato il volume scritto da Francesco Campigli, dal titolo: “Al tempo del Priore Don Giuseppe Mainardi. Immagini e cronache da San Gregorio alla Torre”. Il libro di 352 pagine, contenente anche un inedito del poeta di fama nazionale Enzo Fabiani, ha ricevuto numerosi riconoscimenti ed è stato enormemente apprezzato dai relatori intervenuti, tra cui il Vescovo di San Miniato, Mons. Fausto Tardelli, che ha sottolineato la sua soddisfazione per «il carattere straordinario del lavoro svolto … per leggere tutto l’articolo cliccare qui

 

 

 

freccia024cliccare per vedere tutte le foto della presentazione del libro

.