Giornalino ” TORRE CHE PASSIONE “


1pag_17uscitaConStemma9cm

.

pagina del
Giornalino TORRE CHE PASSIONE
tutte le
edizioni possono
essere
scaricate in download;
clicca sul
numero desiderato

    


 

^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^

TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  

Maggio 2014 – n.19 uscita 

giornalino019 43x22 clicca per download

DSC06844_bradPit_troi

 

“ A volte sei in testa. A volte resti indietro.
La corsa è lunga e alla fine è solo con te stesso. ”

(di Edoardo Parisi)

… l’importante è vivere per correre. Essere protagonisti, che non significa necessariamente essere vincenti. Vivere per quel brivido, una folata di vento che si porta via un anno intero in pochi attimi. Ed è tripudio, è follia, sono lacrime e rabbia e gioia… è Palio!

E così possiamo frenare un attimo le nostre frenetiche esistenze e cavalcare un sogno che non ci annoia mai. Le speranze che coltivavo quando ero piccolo ed entravo in Buca per mano alla mia mamma hanno il medesimo sapore ancora oggi che sono cresciuto. Ancora oggi che HO VINTO !
E’ il bello del Palio: sembra che per un giorno il tempo si fermi e che le persone tornino a vivere come bambini. La magia sta tutta qui!
Sventoli il nostro vessillo sulla testa del campanile a ricordarci che in testa possiamo starci anche noi ! …..

^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^

TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  

Dicembre 2013 – n.18 uscita 

giornalino018 43x22 clicca per download

giancarlocontarga“I problemi della vittoria sono più gradevoli
di quelli della sconfitta,
ma non meno difficili a risolversi.”

(di Edoardo Parisi)

Non accontentiamoci! Non fermiamoci! La fame nella vita fa sempre la differenza e chi si accontenta …… non gode!

Perché non sognare nuovamente una cena della Vittoria con quella magnifica cornice ? La storia stessa del Palio ci insegna che niente è scontato ed io non voglio certamente  dover aspettare altri 30 anni!

Io voglio tutto ciò che c’è da prendere in questa vita e voglio farlo nuovamente insieme a voi …

Oggi è soltanto l’inizio di una nuova era per la nostra Contrada.

Sventoli il nostro vessillo sulla testa del campanile a ricordarci che in testa possiamo starci anche noi ! …..

^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^

TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  

Giugno 2013 – n.17 uscita straod.

giornalino017 43x22 clicca per download

cencio“VINCERE non è importante:
E’ l’unica cosa che conta”

(di Edoardo Parisi)

 Ogni anno provavamo a toccarlo come la tradizione suggerisce, facendoci forza a vicenda sussurrandoci di vedervi raffigurata una Torre, i nostri colori, un ulivo, per poi vedercelo sempre sfuggire dalle mani. No, quest’anno non mi importava toccarlo se non la Domenica sera e così è stato. Sarà un caso ma nel Cencio viene raffigurato un cavallo praticamente identico al nostro, che si staglia in un campo con un campanile a fargli da cornice. Passiamo oltre: Nomina del fortunello. La settimana precedente al palio impazzava il toto-fortunello, anche perché alla Torre effettivamente siamo pochi, e questa carica era stata  ricoperta dalla maggior parte di noi. Tutti davamo per scontata la nomina di una tra quelle due o tre persone che immaginavamo, ed invece il nostro capitano ha tirato fuori una magia dal suo cilindro: Enrico Tedeschi …

 ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^

TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  

Aprile 2013 – uscita n.15

giornalino015 43x22 clicca per download

highlander-02_rit“Ho combattuto tante guerre nella mia vita, per il potere, per la gloria, ma combattere per amore ha senz’altro più senso di ogni guerra ”

(di Edoardo Parisi)

…Il bianco e l‘azzurro rappresentano la mia persona, sono il mio amore, sono la mia fede, sono i miei colori.  Ha senso combattere per essi ! Troppe volte con la testa china abbiamo guardato il cielo, imprecato contro la sorte, contro il mondo, contro noi stessi. Ci siamo dimenticati che il tempo passa per tutti, ma che i colori non sbiadiscono, non cambiano, rimangono stagliati sulle nostre bandiere proprio per ricordarci che ogni anno è un nuovo capitolo, una nuova sfida. …
Pensateci un attimo: un fantino con il suo cavallo fusi in un unico corpo, mente e gambe che corrono all’unisono.  Rappresentare la tua terra, i tuoi colori, combattere per essi dà una carica incredibile. Tu non corri per te stesso, non  corri per il denaro, corri per La Torre. …
Ma quando indossi quella casacca, quando il leone rampante si staglia sulla Torre bianca azzurra e tu lo porti cucito sul cuore, non importa tu sia cavallo o fantino, giocatore o contradaiolo. L’unica cosa che vale davvero è sapere che ti porti dentro una Frazione, che corri per il tuo popolo, che rappresenti la Tua Torre …

^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^

TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  

Dicembre 2012 – uscita n.14

giornalino014 43x22 clicca per download

templare

 

Avanti! E non temete l’oscurità!
Desti! Desti cavalieri!
Lance saranno scosse.. scudi saranno frantumati ”
(di Edoardo Parisi)

… Spero che tu possa incontrare gente con punti di vista diversi. Spero che tu possa essere orgoglioso della tua vita. E se ti accorgi di non esserlo, spero che tu trovi la forza di ricominciare da zero… Ripartite con l’entusiasmo di un bambino, con la presunzione di un ragazzo che crede di essere il migliore, con l’esperienza dell’anziano del villaggio.  Ripartite, RIPARTIAMO!!! Orgogliosi di ciò che siamo e di ciò che difendiamo…  Ricordatevi che il popolo crede in voi , crede nel bianco e nell’azzurro e non ha altri colori negli occhi …

^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ 

TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  

Maggio 2012 – uscita n.13

giornalino013 43x22 clicca per download  

DSC02294_meri+gianc_

“ Cos’è che rende un uomo, un vero uomo?
Non quello che fa, ma le sue decisioni;
non come inizia una cosa, ma come decide di finirla. ”
(di Edoardo Parisi)

…Questa pagina la dedico a voi dell’ultimo anno di mandato. Perché si può uscire in batteria, ma non uscirete mai dai cuori della vostra gente. La dedico a chi i colori bianco-azzurri ce li ha cuciti dentro, nonostante le mille cadute. La dedico a chi non ha mai gettato la spugna, e a chi invece si è arreso. A chi in contrada ci viene tutto l’anno e a chi ci viene solo nella settimana del Palio. A chi ha smesso di venirci, ma ormai rimane  un Torrigiano a vita. A chi abita alla Torre ma non è dei nostri colori: che sia il benvenuto a patto che apprezzi questo piccolo paradiso. La dedico a chi ci guarda da lassù ; sono convito che siano seduti in prima file ed abbiano convinto Dio ad indossare il fazzoletto bianco-azzurro durante la settimana del Palio…

… La dedico ai bambini, il “Cencio” più importante della nostra contrada, perché sono loro il cavallo per continuare a correre. Ai meno giovani , che possono sempre insegnarci in quale direzione andare.  …

 
^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ 

TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  

Aprile 2012 – uscita n.12

giornalino012 43x22 clicca per download

King_3_LeonidasKingofSpartaScremingAsArrowsPiercedThruHim“ Ricorda sempre: la vera forza di uno spartano è
il guerriero al suo fianco ! ”
(di Edoardo Parisi)

… La vera felicità sta nel vivere sempre con il cuore, perché è con il cuore che sconfiggiamo i nostri nemici. Il cavallo rappresenta la corsa, eppure qualche volta cade. Il fantino ne è il pilota ma qualche volta esce di pista. Quando un uomo agisce inseguendo il sogno suo e di altri uomini, può cedere ma si rialza. Anche quando si perde nell’oscurità della vita, egli sa di non essere solo. Quando vive nella propria famiglia sa di non essere l’unico a combattere contro il destino. Quando sbaglia non è il solo peccatore. …

… A volte la vita ti butta giù in batteria, altre volte ti soffia la vittoria all’ultimo giro, altre ancora ti fa assaporare il sogno della vittoria per poi consegnarlo al tuo peggior nemico. E’ dura rimontare a cavallo ma se non lo facciamo noi folli, chi mai lo farà?

^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ 
TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  
Febbraio 2012 – uscita n.11
giornalino011 <- clicca per download 
… Ed è per questo che tocca a noi, che siamo padri, fratelli, amici del Guerriero della Luce, insegnargli che la caparbietà  è talvolta un pregio e che non si deve  abbandonare a ciò che si è scelto e deciso di fare con passione.

Tocca a tutti noi  insegnargli che saranno guai per chi sussurra alle sue spalle:  “ forse la sua lotta è terminata! ” Tocca noi a gridargli che si lotta sempre in compagnia perché nessuno è tanto forte da poter vincere da solo.
Perché  il Guerriero della Luce altro non è che una metafora del Palio, ed il Palio non è altro che  la metafora più limpida, più bastarda, più passionale  della nostra vita: ama i tuoi amici, dimentica i tuoi nemici, guardati le spalle e vai avanti, consapevole delle difficoltà che incontrerai, ma senza soccombere alla tentazione di arrenderti.
Meri Menichetti
^ ^ ^ ^ ^ 
TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  
Ottobre 2011 – uscita n.10 
giornalino010 <- clicca per download 
… Se una cosa si ama non la si lascia volare via, si combatte per non perderla, si muore pur di non lasciarla ad altri. Vale per una persona, vale per un credo, vale per un sogno e poiché la mia idea di contrada non è altro che una miscela di queste tre cose devo dire che sì, ne vale la pena star male se questa non va come dovrebbe. Vale la pena essere sconfitti anche quando non ce lo meritiamo se posso far parte della vostra famiglia, di primavera in primavera, anno dopo anno, palio dopo palio. Perché le guerre vanno e vengono, ma i miei soldati vivono in eterno.
Dovessero volerci mille anni, costi quel che costi,se hai un sogno tu lo devi inseguire. PUNTO !!!Ognuno e’ artefice del proprio destino quindi pensatela come volete. Se qualcuno vuole abbandonare o ritirarsi dopo l’ennesima delusione che lo faccia. Ma se vedete ciò che vedo io, se la pensate come la penso io, e se siete alla ricerca come lo sono io, restate qui, vi prometto che regaleremo al mondo una domenica di Maggio che non verrà mai dimenticata. 
 
 Edoardo Parisi.
  ^ ^ ^ ^ ^ 
TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  
Maggio 2011 – uscita n.09 
giornalino009 <- clicca per download 
…Ti ricordi mamma quando da piccolo guardammo gli stemmi di tutte le 12 contrade e mi chiedesti quale mi piaceva di più? Ricordo di averti risposto quello  bianco e azzurro., anche se era tra i pochi a non aver mai vinto il Palio. Ero un po’ afflitto perché amavo quei colori alla follia ma allo stesso tempo sapevo di amare colori che agli altri popoli ricordavano solo per eterne sconfitte e per  poco altro.  Ricordo che mi guardasti con i tuoi bellissimi occhi blu e mi dicesti che avevo scelto i colori migliori perché solo essendo un torrigiano sarei potuto essere bianco come un unicorno ed azzurro come le onde del mare. Mi spiegasti che l’unicorno è un cavallo bianco, una creatura leggendaria che nessuno è mai riuscito a vedere. Eppure si narra sia il più veloce di tutte le creature; che sappia volare essendo provvisto di due ali oltre che di quattro zampe; ma che possa essere cavalcato solo da pochi eletti, solo da quelle persone che l’animale stesso reputa pure di cuore. Nessuno può dire con certezza di averlo visto veramente eppure chiunque ti dirà con certezza che è il cavallo più  forte di tutti. Mi incuriosisti molto e mi venne  spontaneo chie derti perché  l’azzurro doveva ricordarmi proprio le onde del mare. Mi prendesti per mano … 
Edoardo Parisi 
^ ^ ^ ^ ^ 
TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  
Aprile 2011 – uscita n.08 
giornalino008 <- clicca per download 
… Non molliamo sul più bello, non arrendiamoci se la  sorte non ci darà in dono il cavallo più forte, continuiamo a credere in noi stessi perché alla lunga, i sacrifici, devono pagare. Se il contadino dovesse arrendersi tutte le volte che il seme non gli dà il frutto desiderato che fine farebbe? Se abbandonasse il suo campo dopo una tempesta o dopo una gelata a cosa avrebbe valso essersi spaccato la schiena e le mani sotto il sole cocente o sotto la pioggia battente? .Ci siamo battuti anno dopo anno, nonostante le .intemperie e le  ingiustizie,  nonostante  la  sorte  non abbia mai teso la mano… 
Edoardo Parisi 
^ ^ ^ ^ ^ 
TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  
Marzo 2011 – uscita n.07 
giornalino007 <- clicca per download 
Un giorno mio figlio mi chiederà da dove vengo. Perché me ne sono andato e magari, chissà, mi chiederà di tornarci. Mi chiederà perché ho gli occhi lucidi mentre gli sussurro che io vengo da una campagna, al di là di un piccolo fiumiciattolo che i miei antichi compaesani chiamarono “Usciana”, molti anni fa.
… Gli dirò che noi bambini non avevamo bisogno di molto, che ci bastava una palla o una vecchia bicicletta per sentirci dei Principini. Lo porterò nel mio regno, lo porterò in via San Gregorio e gli spiegherò perché noi siamo i torrigiani… perché la Torre, che poi una Torre non è, è la nostra anima. E l’anima non muore mai, l’anima è eterna, non si può uccidere né distruggere.Per questo i torrigiani non si arrendono mai, per questo possono cadere ma mai perdere di vista i loro sogni. 
… Lo accompagnerò lassù, in cima al Campanile, tenendolo stretto e, una volta arrivati in cima, gli mostrerò perché i nostri colori sono il bianco e l’azzurro. Gli insegnerò a sognare, perché solo chi sogna può volare e da lassù mi pare più semplice spiccare il volo…
Edoardo Parisi 
^ ^ ^ ^ ^ 
TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  
Dicembre 2010 – uscita n.06 
giornalino006 <- clicca per download 
Questo ragazzo era nato sentendo i rintocchi del campanile, aveva bevuto l’acqua della fonte di S.Gregorio, aveva giocato nel campino del prete ed aveva vissuto di fronte una strada dove passava una macchina ogni tanto… d’un tratto s’era trovato spaesato, non sentendo più quei rintocchi, vedendo passare  molte  più  macchine di fronte alla sua nuova casa, perso quando, alzando gli occhi al cielo, non riusciva più a .scorgere il suo bandierone  bianco-azzurro. o .non riuscendo più a sentire quelle voci, le voci di .quei ragazzi che l’avevano accompagnato durante .tutta la sua vita. E’ stato così che qualcuno di molto importante, d’un tratto, ha aperto una finestra nel muro di camera sua. Se il ragazzo si affaccia da questa finestra vede il prato del Santini, vede gli alberi che lo hanno protetto fin da piccolo, scorge il campanile in lontananza… il bandierone sventola più fiero che mai, il cielo è azzurro sopra la piazza di S.Gregorio. C’è un bambino che, seduto sull’erba fresca, sogna guardando l’orizzonte con un pallone in mano…
Edoardo Parisi 
 ^ ^ ^ ^ ^ 
TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  
Maggio 2010 – uscita n.05 
giornalino005 <- clicca per download 
Voi che vivete nel vostro mondo al di la della Buca… non sapete come è bello poter indossare un foulard per diventare automaticamente parte di una grande famiglia. Poter correre, sudare, ridere e combattere sempre sotto gli stessi colori. I colori che ti hanno battezzato, che ti hanno regalato fratelli e sorelle, che ti autorizzano a dire una tua idea, una tua opinione, a litigare perché no… semplicemente perché il tuo cuore sotto la pelle batte  bianco-azzurro.   Perché mi chiamate folle se vedo cadere il mio fantino, il mio cavallo…se non sono in finale… e scoppio a piangere? Scommettiamo che se il mio cavallo taglia per primo il traguardo io arriverò prima di te, chiunque tu sia straniero, a staccare quel maledetto Cencio dal palco e a stringerlo forte fra le mani ?!.  Mi chiedi cosa darei per vincere il palio?… semplice… TUTTO.  E pazienza se tu, tutte queste cose non le sentirai mai, non le capirai mai, e continuerai a non capire. 
…Non saprai mai cosa significa cavalcare, perché il mio popolo galoppa con il suo cavallo il giorno del palio. Ed in sella ad un cavallo l’uomo può riuscire a placare il suo slancio verso l’infinito, a sentirsi anche solo per un istante,più vicino al cielo. 
…Oggi voi potete sognare, ancora una volta.  Potete correre come non avete mai corso e come non correrete per altri 364 giorni. Oggi . finalmente voi siete liberi. Sussurrate al vostro cavallo qual è il vostro sogno… spingetelo quando penserà di essere stremato, FINO ALLA FINE. Ditegli che i suoi . occhi saranno i vostri… Applauditelo comunque corra perché è solo in questo giorno maledetto che Noi tutti potremo volare.  “UT FINEM ! ! ! ” 
Edoardo Parisi 
^ ^ ^ ^ ^ 
TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  
Aprile 2010 – uscita n.04 
giornalino004 <- clicca per download 
“Il guerriero della luce crede”. Proprio come credono i bambini. Poiché crede nei miracoli, i miracoli cominciano ad accadere. Poiché ha la certezza che il proprio pensiero possa cambiargli la vita, la sua vita comincia a cambiare. Poiché è certo che incontrerà l’amore, l’amore compare. Di tanto in tanto, è deluso. Talvolta, viene ferito. E allora sente i commenti: “com’è ingenuo!”. Ma il guerriero sa che il prezzo vale. Per ogni sconfitta, ha due conquiste a suo favore.  Tutti coloro che credono lo sanno.” 
…Il palio è fatto di molte variabili, tra cui la fortuna che gioca un ruolo fondamentale e che spesso ci ha voltato le spalle. Quest’anno ce n’è anche per lei… Abbiamo un grande rispetto per tutti, la consapevolezza di dover migliorare ancora molto, ma paura di nessuno. In bocca al lupo alla contrada, ci incamminiamo verso il Grande Giorno…  SEMPRE A TESTA ALTA FRATELLI MIEI, COMUNQUE VADA “AL MIO SEGNALE SCATENATE L’INFERNO”.
Edoardo Parisi  
^ ^ ^ ^ ^ 
TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  
Gennaio 2010 – uscita n.03 
giornalino003 <- clicca per download 
Sono arrivato al centro della piazza, quella piazza in cui da piccolo giocavo con i miei amici e che pareva non finire mai, mi sembrava più grande un po’ di tempo fa. La chiesa, gli ulivi ed i campi sono tutti là … alzo gli occhi, il campanile si staglia verso il cielo tinto di bianco-azzurro. Pietra dopo pietra è stato costruito con il sudore di chissà quante persone… ed  è ancora là, dopo centinaia di anni  continua a vegliare sul nostro paesino, tanto da esserne diventato l’emblema. Con i suoi rintocchi ha scandito il tempo di chissà quanti Torrigiani, cosi si chiamano gli abitanti del mio paesino. 
… Io qui ci sono nato, ci sono cresciuto come altri miei fratelli e sorelle. Ognuno di essi deve affrontare ogni giorno problemi, deve superare ostacoli, scalare montagne. Ed è dura per tutti.  La vita per noi Torrigiani è persino  più dura di persone che magari hanno molto più pane di noi… ma non hanno i denti. Noi i denti ce li abbiamo tutti e nonostante qualche schianto, sono ancora tutti integri. Combattiamo ogni giorno, ma almeno combattiamo sotto gli stessi colori, i colori del cielo, i NOSTRI colori. 
Combattiamo, consapevoli che i veri Torrigiani, quelli che, vuoi per indole, vuoi per natura, vuoi per dono divino hanno il cuore più grande di tutti, lottano sempre…
Edoardo Parisi 
^ ^ ^ ^ ^ 
TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  
Dicembre 2009 – uscita n.02 
giornalino002 <- clicca per download 
«Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare…» F.Nietzsche 
“Se un uomo parte con delle certezze finirà con dei dubbi; ma se si accontenta di iniziare con qualche dubbio, arriverà alla fine a qualche certezza.” (F.Bacone) 
il cammino della “nuova” contrada Torre è partito… ed è partito alla grande!!!  Non parliamo tanto per parlare… volete dei numeri? Bene, parlano loro stavolta… 
Edoardo Parisi 
^ ^ ^ ^ ^ 
TORRE CHE PASSIONE – giornalino della Contrada Torre  
Novembre 2009 – uscita n.01 
giornalino001<- clicca per download 
“ IMPOSSIBILITA’: UNA PAROLA CHE ESISTE SOLO NEL VOCABOLARIO DEGLI STUPIDI. ”  (NAPOLEONE) 
Mai più saremo i più grandi. Mai più saremo i più potenti. 
Ma possiamo essere i migliori. Il nostro “Paese” può essere il migliore in cui vivere, il migliore in cui allevare dei figli, il migliore in cui condurre una vita piena, il migliore in cui invecchiare.” 
Si riparte da qui. Non ripartiamo da 0 ma da molto. …
Edoardo Parisi